Acciai legati da bonifica e nitrurazione

Tipologie: 42CrMoS4, 39NiCrMo3, 41CrS4, 41CrAlMo7-10

SCARICA LA SCHEDA TECNICA

CONTATTACI


La bonifica è un trattamento termico costituito da una tempra seguita da un rinvenimento che migliora le caratteristiche meccaniche del materiale. La possibilità di avere una buona temprabilità, cioè di ottenere una buona penetrazione della trasformazione martensitica, è proporzionale alla quantità di elementi in lega nell’acciaio. Per questo motivo vengono utilizzati acciai al solo cromo (34CrS4, 41CrS4) o al cromo-manganese (36CrMn5, acciaio tipico dell’industria automobilistica e non inserito nelle norme vigenti): questi sono adatti alla produzione di pezzi non troppo complessi e di medie dimensioni.

Ci sono poi gli acciai legati con cromo e molibdeno come il 25CrMoS4 e il 42CrMoS4, con tenori crescenti di carbonio. Il molibdeno ha un importante effetto nel limitare un fenomeno noto come “fragilità da rinvenimento” e permette così di ottenere strutture particolarmente tenaci dopo bonifica. Il 42CrMoS4 è il più diffuso acciaio da bonifica, e viene utilizzato ampiamente in ogni settore meccanico per pezzi anche di dimensioni rilevanti. Il 39NiCrMo3, acciaio tipicamente italiano anche se inserito nelle normative europee, contiene nickel ed è quindi adatto ad impieghi più gravosi per sollecitazioni di fatica.

L’acciaio 41CrAlMo7-10 è specifico per indurimento superficiale mediante nitrurazione, cioè arricchimento della superficie del materiale con l’azoto, che ha la proprietà di rendere molto duro il metallo. Anche altri acciai da bonifica vengono spesso nitrurati, come ad esempio il 42CrMoS4, ma la presenza di alluminio in questo materiale permette di ottenere una nitrurazione più efficace e rapida.

Richiedi un preventivo gratuito

Richiedi il tuo preventivo personalizzato. Il servizio è COMPLETAMENTE GRATUITO

Seguici

Largo Roggia Brembilla, 11 - 24047, Treviglio (BG)
Tel. +39 0363 879394 - Fax +39 0363 870742 info@gieffeacciai.it